lampone-ceres-management2Vi racconto un piccolo episodio che secondo è un esempio da seguire per tutti i community manager di un social network, sia esso Facebook, Twitter, Instagram o altro.

Ieri ho scritto un post in cui presentavo la campagna che l’agenzia pubblicitaria BCube ha realizzato per la birra Ceres in occasione delle prossime elezioni di Febbraio. Nel post avevo inserito una foto di una delle affissioni della campagna, avevo trovato la foto su Twitter, era stata pubblicata da un educatore cinofilo che seguo data la mia passione per i cani. La foto nel mio post aveva ovviamente il riferimento all’autore dello scatto (niente di artistico o professionale ma aveva pur sempre un autore) e al tweet specifico in cui era stata allegata.

La sera stessa vedo che l’agenzia Lampone pubblica sulla propria pagina Facebook la stessa foto, senza citare la fonte e commentando la campagna pubblicitaria. Poco dopo attivo la modalità “pignolo abbestia” e commento la foto con un poco simpatico commento, misto tra acido e saccenza: “Potevate perlomeno citare l’autore della foto”.

Questa mattina lo staff di Lampone mi risponde che hanno condiviso la foto direttamente dal profilo ufficiale di Ceres. Vado a controllare (Facebook e Flickr… il profilo Twitter almeno dal sito ufficiale non sembra esistere) ma non la trovo, faccio notare nuovamente la cosa e mi risponde il gestore della pagina in persona.

lampone-ceres-communitymanagement

Perchè scrivo questo post? Perchè Cristiano, la persona che mi ha risposto, lo ha fatto mantenendo la tranquillità e la cortesia pur trovandosi davanti ad un utente che ha avviato la conversazione con un tono acido e provocatorio (cioè io). E questa cosa non è scontata!
Tempo fa ad esempio scrissi qualcosa riguardo un altro caso che si svolse in tutt’altro modo: quello di @24job.

Il modo in cui Lampone e Cristiano hanno gestito questo piccolo botta e risposta è un esempio da cui apprendere come comportarsi davanti ad un utente che si pone da subito in modo ostile.

Una delle lezioni più importanti che un community manager deve imparare: la cortesia paga sempre!

Bravi Lampone. Bravo Cristiano.